LA VOCE DEL SILENZIO


Nuovo

LA VOCE DEL SILENZIO

N. prodotto: 7974

Disponibile
possibilità di spedizione entro 5/7 giorni

19,00

Prezzo comprensivo di IVA, più consegna



Dedicato a Marco e a tutti gli amici che dal cielo ci seguono, confidando sempre nei loro consigli

 

Marco é il figlio perso e ' ritrovato'.
É il fiore di luce che illumina il cammino quotidiano di chi lo ama.
Porta parole di certezza di Vita Eterna nell'abbraccio d'Amore e di Luce del Padre.
Sono parole che accarezzano il cuore , danno conforto e consiglio al lettore e dimostrano che é reale quello che,in apparenza ,sembra impossibile.... Nulla é impossibile...

Prefazione

Mi accingo a questo lavoro di raccolta e riordino di messaggi con grande titubanza e un tantino di timore essendo per me la prima volta; sono certa però che questo volumetto potrà aiutare qualcun altro come me a superare quei momenti di estrema dispe-razione e senso di vuoto che le grandi tragedie della vita possono portare.

Per spiegare l’origine dei messaggi occorre purtroppo che io torni indietro nel tempo, alla dolorosissima giornata del dieci gennaio 2007.
È stato quel giorno, infatti, che tornata da scuola, dopo aver trovato stranamente la cucina vuota, sono andata a vedere in camera come stava Marco, mio figlio di ventuno anni, rimasto a casa dall’università quel giorno per una banale influenza.
Quando gli chiesi come stava, non mi rispose. Era sdraiato supino sul suo letto, vestito con la sua tuta da ginnastica e sotto le coperte. Composto e con un sorriso beato sul viso, gli occhi chiusi, le braccia diste-se lungo i fianchi.
Sembrava immerso in un pacifico sonno. Ma non si svegliava!
Lo chiamavo ripetutamente ma non rispondeva! Pensai scherzasse. Poi, dopo avergli toccato il collo per sentire il battito, immediatamente realizzai: il suo cuore non batteva più.

Il cielo immediatamente mi cadde addosso e capii all’istante che non c’era più nulla da fare. Il medico dell’ambulanza che arrivò per la rianimazione diagnosticò il terribile verdetto: morte bianca.

Qualcuno mi parlò della metafonia. Una pratica che permette di sentire la voce dei trapassati.
Mi informai, lessi libri riguardanti l’argomento, visitai siti internet per saperne di più, finché un giorno, avendo visto altri che lo facevano, ma non certa di poterci riuscire, decisi di provare.
Una sera del mese di marzo accesi il registratore mentre stavamo cuocendo delle salsicce sul fuoco del camino. In mezzo al crepitio del fuoco registrato per alcuni secondi, riavvolgendo il nastro, sentii la parola ‘Mamma!’.

Incredula e felice feci altri tentativi anche usando le basse frequenze della radio come consigliavano alcuni testi che avevo consultato.
Fu così che incominciai a ricevere i primi messaggi.

Lo stupore era tanto, così com’erano altrettanto mitigati la frustrazione e il dolore che ci appartenevano.
Dopo i primi contatti con la radio provai a registrare anche nel silenzio perché mi stavo rendendo conto che le alte frequenze della radio mi stavano causando problemi all’udito.

I messaggi ricevuti nel silenzio erano ancora più comprensibili e densi di significato. Del resto le voci stesse mi avevano indicato come procedere.

All’inizio, infatti, i primi testi erano più oscuri e il linguaggio era più complicato.

Progressivamente, però, il contenuto diventava più comprensibile e chiaro in rapporto al migliorare della ricezione e al progredire della mia fiducia in me stessa e nelle voci che sentivo.
Il mio problema più grande, infatti, è sapere quanto di me ostacola e interferisce nella percezione precisa delle parole e del contenuto dei messaggi.
... le voci hanno cercato di mostrarmi in vari modi come il contenuto fosse indipendente dalla mia volontà.

Qualche volta, infatti, ho ricevuto termini in greco di cui non conoscevo il significato che, una volta cercati sul dizionario, s’inserivano perfettamente nel discorso. Altre volte erano citazioni di libri della Bibbia di cui io non avevo mai sentito parlare.
Presumo perciò che gli inviti che Marco e le altre voci mi hanno da sempre rivolto ad andare avanti con questo compito di trascrizione dei messaggi sia un valido motivo per questa raccolta.

I testi sono riportati integralmente, senza variazioni o spiegazioni.

Spero, con questa raccolta, di portare conforto a quanti come me hanno bisogno di sapere che i nostri cari sono vivi e sempre si preoccupano per noi; ci seguono nelle nostre vite e ci sollecitano a pregare e a praticare il bene perché qui noi ci siamo solo "di passaggio".

Cerca anche queste categorie: Home page, NARRATIVA, ULTIME EDIZIONI